|| Notaio.org - Portale Notarile | Cancellazione dell'ipoteca -

|| Notaio.org - Portale Notarile | Cancellazione dell'ipoteca -

...
Vai ai contenuti

Menu principale:

|| Notaio.org - Portale Notarile | Cancellazione dell'ipoteca

Cittadini > Atti notarili
 

  Sei qui > CITTADINI > Atti notarili > Cancellazione d'ipoteca

Cancellazione d'ipoteca

ACCETTAZIONE DI EREDITA' | CANCELLAZIONE D'IPOTECA | CESSIONE D'AZIENDA | CESSIONE DI QUOTE | COMPRAVENDITA | DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE | MUTUO | PROCURA | PUBBLICAZIONE DI TESTAMENTO | REDAZIONE DI TESTAMENTO | RINUNCIA ALL'EREDITA' | SEPARAZIONE DEI BENI




Consulta anche il GLOSSARIO GIURIDICO





NOTA BENE
Le informazioni contenute in questa sezione non possono in alcun modo sostituire l'intervento professionale del proprio notaio di fiducia: devono essere sempre verificate per controllarne l'attualità e per valutare differenti prassi degli uffici locali. Notaio.org non assume alcuna responsabilità a riguardo.


Cosa fa il notaio

Compito del notaio è verificare la corrispondenza tra il titolo di provenienza dell’immobile (presente nel contratto di mutuo) e la relativa nota di iscrizione al fine di evitare errori nella cancellazione.
Una volta stipulato l’atto di assenso a cancellazione ipotecaria, il notaio procederà alla cancellazione presso l’Ufficio del Territorio (Servizio di Pubblicità Immobiliare ) competente presentando il relativo annotamento (richiesta di cancellazione) unitamente alla copia autentica dell’atto di assenso.



Come si legge l'atto notarile

L’atto di assenso a cancellazione di ipoteca è un atto unilaterale. In pratica il notaio autentica il consenso alla cancellazione di ipoteca da parte della banca erogatrice di un mutuo ipotecario, una volta che il mutuo risulti estinto.
L’atto di assenso puo’ avere forma di atto pubblico o di atto privato.
Alle volte solo le stesse Banche presso cui deve essere stipulato l’atto di assenso alla cancellazione dell’ipoteca a richiedere la forma dell’atto.

L’atto di assenso segue la forma del mutuo stipulato:
es: se il mutuo è stato erogato da una Banca che ha applicato il dpr del 29 settembre 1973, n°601, anche la cancellazione sarà esente da imposte di bollo , ipotecarie e di registro ai sensi di questa legge.
se invece il mutuo è stato erogato da una finanziaria e quindi non prevedeva esenzione anche la cancellazione della relativa ipoteca non sarà esente.

L’assenso alla cancellazione di ipoteca può essere:

TOTALE
Viene cancellata totalmente l’ipoteca originariamente iscritta.

PARZIALE
Viene svincolata solo una parte dell’ipoteca. In questo caso è necessario avere una precisa descrizione anche catastale dell’immobile/i da svincolare.

FRAZIONATA
Si può trattare in questo caso di cancellazioni complesse, dove risulta necessario un accurato controllo notarile catastale ed ipotecario.


Atto di assenso a cancellazione ipotecaria

Nella parte iniziale dell’atto, il notaio identifica il responsabile della Banca delegato a rappresentarla.
Di seguito il rappresentante della Banca da atto dell’ avvenuta estensione del mutuo erogato dalla Banca medesima (in atto vengono riportati gli estremi della pratica di mutuo ed il suo importo) e da il consenso alla cancellazione dell’ipoteca iscritta (in atto vengono riportati gli estremi di iscrizione dell’ipoteca facendo riferimento all’originario contratto di mutuo stipulato).
Infine di prassi il rappresentante della Banca autorizza anche alla cancellazione di eventuali vincoli a favore della Banca (es polizza assicurativa contro incendi relativa agli immibili ipotecati…….) richiesti nel contratto originario di mutuo.
Le spese e le tasse relative alla redazione dell’atto e alle formalità conseguenti sono a carico della parte richiedente la cancellazione dell’ipoteca.



Documentazione da presentare

  • contratto di mutuo con bollettino di pagamento dell'ultima rata o eventualmente estinzione anticipata del mutuo

  • atto di compravendita

  • carta d'identità e codice fiscale



Approfondisci: video sull'ipoteca

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu